lunedì 28 maggio 2012

LatinoAmerica parte 5: La Paz e Tiwanaku

31 luglio - 2 agosto 2011
la paz e il monte illimani
la paz e il monte illimani
vicoli di la paz
Il viaggio da Uyuni a La Paz è stato sicuramente migliore del suo precedente. Un po' perché le nove ore abbondanti richieste sono tutte in notturna (non potendo ammirare perciò tutta la zona del lago Poopò e della cordigliera centrale, però dormendo almeno passano subito), e poi perché, a parte il primo tratto corrispondente a circa un quarto del percorso, la strada è asfaltata. L'autobus poi è più che decente e ha il riscaldamento, ovvero una copertina in dotazione per ogni poltroncina.

martedì 22 maggio 2012

LatinoAmerica parte 4: Uyuni

29-30 luglio 2011
montagne lungo la strada
negozio a colchani
I bus per Uyuni non partono dal nuovo grande terminal moderno di Potosì, bensì da quello vecchio (che in effetti è abbastanza piccolo e malandato), che si trova a circa 1km dal centro (tutto in discesa) seguendo la calle Antofagasta senza svoltare mai. 

giovedì 17 maggio 2012

LatinoAmerica parte 3: Sucre e Potosì

26-28 luglio 2011
quebrada de humahuaca
quebrada de humahuaca
Una cosa che mi ha molto colpito del sudamerica sono le comitive di adolescenti sia americane che europee, tipo gite scolastiche, in giro per ostelli (ovviamente accompagnate da qualche adulto). Le ho incontrate praticamente ovunque; e a Salta ho avuto la prima esperienza. Ho dovuto infatti condividere la camerata con 5 ragazzine inglesi...vabbè, ma tanto la sveglia è stata prestissimo che era ora di raggiungere la Bolivia.

cattedrale di sucre
cattedrale di sucre
villazon
tilcara








Il trasferimento in bus da Salta a Sucre è piuttosto impegnativo: tra frontiere da passare e bus da cambiare richiede, se si è fortunati con le coincidenze, oltre 24 ore, anche se i chilometri percorsi non sono poi tantissimi (cioè poco meno di 1000). La prima tranche, fino a La Quiaca, alla frontiera con la Bolivia, è molto interessante; passata infatti San Salvador de Jujuy (città probabilmente piacevole e interessante, da ciò che ho potuto vedere dal bus, ma che non ho potuto esplorare) si entra nella Quebrada de Humahuaca, una stretta valle andina (patrimonio UNESCO) caratterizzata dalla presenza di cactus e dal suggestivo aspetto desertico, le cui maggiori attrattive si trovano nelle vicinanze della cittadina di Tilcara, dalle basse casette costruite con mattoni di terra e con un sito archeologico costituito da un'antica fortezza di epoca inca. 

venerdì 11 maggio 2012

LatinoAmerica parte 2: Iguazù e Salta

22-25 luglio 2011
fiume uruguay
fiume iguazu
fiume iguazù
L'argentina, per noi che abbiamo l'euro, è abbastanza economica: mangiare, dormire, spostarsi in città non rappresentano assolutamente un problema per il ramingo ospite della terra dei gauchos; l'unica cosa che non è proprio a buon mercato sono i bus. La rete ferroviaria in tutto il Sudamerica è ridottissima e inadeguata, perciò per spostarsi da una parte all'altra del continente si viaggia sui bus, che vanno nei posti più sperduti e sono anche più veloci del treno. 

domenica 6 maggio 2012

LatinoAmerica parte 1: Buenos Aires

19-22 luglio e 23-25 agosto 2011
buenos aires
torre de los ingleses
buenos aires
la boca
L'aeroporto internazionale di Buenos Aires (Ezeiza) si trova poco meno di 30 km a sud del centro della città cui è collegato mediante un'autostrada (purtroppo la zona sud di Baires non è proprio il massimo della bellezza, e, a quanto dicono, nemmeno della sicurezza, quindi la prima impressione per chi arriva potrebbe non essere buonissima!!); per chi non è "avventuriero" come me, che mi faccio ammazzare piuttosto che prendere un taxi, c'è il bus della ditta Manuel Tienda Leon, economico e abbastanza facile da trovare (basta voltare l'angolo una volta usciti dal terminal) che in meno di un'ora, traffico permettendo, vi sbarca nell'enorme piazza davanti alla stazione dei treni Retiro, dove c'è anche la fermata della metro (ma fa anche altre fermate).