venerdì 28 novembre 2014

Silkstan parte 11: Almaty (Alma Ata)

18-22 agosto 2014
grande moschea
grande moschea
Andare da Bishkek ad Almaty, passando il confine tra Kyrghizstan e Kazakhstan, è semplicissimo. Nell'autostazione ovest della capitale kirghisa infatti vi sono  un gran numero di furgoni e taxi condivisi che collegano direttamente le due città senza bisogno di cambiare mezzo alla frontiera. Come per l'ingresso, i controlli di uscita del Kyrghizstan sono praticamente inesistenti, mentre per l'ingresso in Kazakhstan c'è sempre un po' di fila (comunque moltissima gente era ferma ad aspettare non so cosa e sono stato fatto passare avanti, quindi la faccenda si è risolta abbastanza velocemente, tanto che poi ho dovuto aspettare un po' che il furgone su cui viaggiavo passasse i controlli, all'inizio ero un po' spaesato non vedendolo ma per fortuna ho ritrovato quasi subito le facce di quelli che viaggiavano con me nel furgone e quindi ho aspettato con loro ritrovando immediatamente la tranquillità).

martedì 18 novembre 2014

Silkstan parte 10: Karakol

16-17 agosto 2014
propaggini orientali dell'issik kull
strade quasi al centro di karakol
Da Cholpon Ata si può continuare a percorrere la sponda settentrionale del grande lago Issik Kull fino ad arrivare, in un paio d'ore circa di furgone, alla sua estremità orientale dove, poche decine di chilometri all'interno, i due rami dei monti Alatau si riuniscono con la catena principale del Tian Shan, le mitiche "Montagne Celesti"; e proprio nella vallata sottostante sorge una delle principali mete turistiche del Kyrghizstan: la città di Karakol.

mercoledì 12 novembre 2014

Silkstan parte 9: Cholpon Ata e il lago Issik Kull

15-16 agosto 2014
Tra le montagne del Kyrghizstan, nella zona dove la catena degli Alatau si divide in due bracci, sorge il secondo lago alpino (cioè in quota, visto che si trova a oltre 1600 metri) più grande del mondo, superato solo dal Titicaca sulle Ande.
la strada verso il lago
la strada tra le montagne
Pur non essendo famoso come il suo omologo sudamericano, il lago Issik Kull è in realtà una meta di villeggiatura molto frequentata, soprattutto dai russi e dalle popolazioni centro-asiatiche, perché le sue caratteristiche ne fanno un luogo ideale per il turismo balneare. In una regione lontanissima dal mare infatti, questo specchio d'acqua è enorme (supera di parecchio la superficie dell'intera Liguria), leggermente salato e, pregio non da poco, grazie a delle sorgenti termali sotterranee la temperatura dell'acqua è molto gradevole (il suo nome significa infatti "lago caldo" e l'acqua non gela mai, neanche durante i rigidissimi inverni di queste parti).

mercoledì 5 novembre 2014

Silkstan parte 8: Bishkek

14 e 17-18 agosto 2014
verso bishkek
una via di bishkek
Se passare la frontiera tra Uzbekistan e Kazakhstan è piuttosto faticoso, sconfinare da quest'ultimo in Kyrghizstan è invece relativamente semplice. Il piccolo e montagnosissimo paese centro-asiatico infatti sta attuando da alcuni anni una politica volta a favorire il turismo internazionale, e ai cittadini di molti paesi occidentali (Italia compresa) è consentito entrare senza visto, e i controlli alla frontiera sono minimi. 
Dalla stazione dei bus di Taraz partono regolarmente dei furgoni che attraversano la frontiera e arrivano direttamente a Bishkek, la capitale kyrghisa, e il viaggio è agevole e piacevole, grazie al bel panorama offerto dalla catena montuosa degli Alatau (una costola del Tian-Shan, con cime che arrivano a sfiorare i 5000 metri) che si erge maestosa a sud.