venerdì 20 maggio 2016

Leuven (Lovanio)

28 febbraio 2016
Oltre alle sue tre città più grandi e famose, Gand, Bruges e Anversa, le Fiandre conservano un nutrito gruppo di altre destinazioni dalla storia importante e dall'aspetto pittoresco che meritano senz'altro una visita.
groot begjinhof
leuven
bondgenotenlaan
Una delle indiscusse capofila di questo gruppo è la città di Leuven (Lovanio in italiano), le cui origini risalgono al IX secolo, conosciuta principalmente come polo universitario, le cui tradizioni testimoniano lo splendore raggiunto alla fine del medio evo, e come luogo originario di produzione della famosissima birra Stella Artois. La vicinanza con Bruxelles, distante appena 30 km, e i 25 minuti scarsi di treno necessari per raggiungerla dalle stazioni della capitale, uniti alle numerose attrazioni  sparse nell'area urbana, ne fanno una meta appetibilissima per una gita giornaliera.



sint jan
groot begjinhof e il dyle
groot begjinhof leuven
groot begjinhof









Il centro storico è di forma circolare, delimitato da una serie di larghi viali, e la stazione ferroviaria si trova nella zona orientale di questo, fronteggiata da un sontuoso monumento al centro di un piazzale caratterizzato da palazzi eleganti e dall'imbocco del Bondgenotenlaan, il viale principale della città, ricco di attività commerciali, che in dieci minuti scarsi a piedi porta fino alla piazza principale.
gerardo mercatore lovanio
gerardo mercatore
groot begjinhof
Prima di prendere questa direzione però, forse la cosa migliore da fare è imboccare la più piccola Maria Teresiastraat, subito a sinistra, e attraversare dei tranquilli quartieri residenziali intervallati da varie costruzioni appartenenti alle facoltà per puntare diretti all'estremità meridionale del cerchio dove, alle spalle della scenografica chiesa di Sint Kwinten sorge il Groot Begijnhof. Questo beghinaggio è forse l'attrazione principale di Leuven, essendo uno dei più grandi e meglio conservati in assoluto del paese, e si fregia del titolo di patrimonio UNESCO. La rete di stradine acciottolate, casette storiche anticamente abitate da donne religiose e piccoli e curati giardini che si apre intorno alla chiesetta di Sint Jan e si estende anche oltre il fiume Dijle, ha un aspetto davvero pittoresco e regala momenti di pura calma e relax.
groot begjinhof leuven
groot begjinhof
groot begjinhof
Proprio il Dijle, che attraversa tutto il centro separandosi in vari rami, è una delle peculiarità della città, e poco a nord del beghinaggio si trova un piccolo suggestivo parco sulle rive del fiume. Andando avanti e subito prima di entrare nella parte più antica e interessante, si trovano il Sint Donatus Park, lo spazio verde più grande della città vecchia, e la bella facciata barocca della chiesa gesuita di Sint Michiels
kruidtuin leuven
giardino botanico
giardino botanico
Da qui in poi le attrazioni si susseguono e si ha solo l'imbarazzo della scelta di cosa andare a visitare prima: una buona idea può essere quella di costeggiare la fiancata della chiesa, invece di proseguire per Naamseestrat ad occhi sgranati fino alla vicina piazza centrale, e arrivare di fronte alla facciata del Pauscollege, la cinquecentesca residenza universitaria appartenuta a papa Adriano VI e a lui dedicata. Vale la pena quindi entrare e ammirare il bellissimo cortile interno.

sint jacobsker
handbooghof leuven
handbooghof
lovanio









Anche da qui, Naamsestraat si trova a poche decine di metri ed è facile rientrarci proprio per trovarsi di fronte alla Universiteitshal, il palazzo che ospita la sede centrale dell'università cittadina fin dal tardo medio evo, anche se da allora ha subito molti lavori di ricostruzione e restauro.
grote markt leuven
grote markt
sint pieterskerk
Ancora pochi metri e si sbuca finalmente nella Grote Markt, la piazza principale, non prima però di aver costeggiato il meraviglioso Stadthuis, il municipio in stile gotico brabantino impreziosito dalla presenza di 236 statue, uno dei più famosi e scenografici di tutte le Fiandre, la cui facciata è poi uno dei punti di forza della piazza. Come spesso accade in questa regione, l'antica piazza del mercato è il luogo principale della città ed è circondata dalle sontuose case appartenute alle corporazioni, regalando perciò dei colpi d'occhio impressionanti.
sint pieterskerk
oude markt leuven
oude markt
Altro punto di forza della piazza è poi la presenza dell'imponente collegiata di Sint Pieters, la chiesa più antica e importante di Lovanio, anch'essa dalle caratteristiche forme gotiche ma con la torre campanaria incompiuta. L'interno conserva parecchie opere d'arte ed è praticamente un museo, ma per dare solo un'occhiata si può entrare senza pagare il biglietto d'ingresso. Le stradine intorno alla piazza sono anche parecchio suggestive ed è molto facile scovare un angolo piacevole, un palazzo storico fotogenico o qualche altro punto di interesse.
stadthuis municipio leuven
stadthuis
sint michiels leuven
sint michielskerk
Poco a nord della piazza per esempio ci si può trovare di fronte alla piccola statua che ritrae Erasmo da Rotterdam, la cui storia è legata alla città poiché qui ha soggiornato, studiato e pubblicato alcuni suoi importanti lavori; mentre superata la piazza Vis Markt, in concomitanza con il punto dove due rami del Dyle si incrociano, sorge la statua di Gerardo Mercatore (Gerhard Kremer), il più illustre studente dell'università cittadina e figura mitizzata dai viaggiatori in quanto autore (nel XVI secolo) di alcune delle mappe geografiche più impressionanti della storia e vero e proprio padre della cartografia moderna. Di fronte alla statua, una piccola via pedonale, Handbooghof, segue il corso del fiume e permette di ammirare il tratto più lungo di ciò che rimane delle antiche mura medievali.

paus college leuven
paus college
paus college
universiteitshal

university library leuven
biblioteca universitaria
biblioteca universitaria
sint donatus park

Dalla Grote Markt o dalla fine di Handbooghof, la vivace Brusselsestraat conduce direttamente nella zona occidentale della città, dove torreggia il campanile della chiesa di Sint Jacobs, in stile romanico e risalente all'inizio del XIII secolo, poco a sud della quale si apre il Kruidtuin, il giardino botanico: una bellissima area verde, probabilmente uno dei posti più piacevoli e meno conosciuti di Leuven, con una moltitudine di aiuole e orti coltivati e con delle splendide enormi serre con palme e piante tropicali varie. Proseguendo invece in salita lungo Brusselsestraat fino quasi all'incrocio con l'anello viario, lungo l'ultima traversa, Mechelse Vest, al numero 10 si può entrare in un piccolo consorzio alla fine del quale si apre quella che è probabilmente la migliore veduta panoramica della città (è un po' fuori mano ma ne vale la pena).
bondgenotenlaan
leuven
leuven
Anche la zona a nord del centro è molto interessante. Tra i due bracci del fiume e intorno alla fascinosa chiesa medievale di Sint Gertruui, famosa anche perché la torre campanaria fu costruita senza usare chiodi, si trova un bel complesso di palazzi storici appartenenti all'università, con bei giardini e ponticelli sul Dijle e il museo nazionale degli Scout. Alle spalle della chiesa poi si trova anche il Klein Begjinhof, formato solo da un paio di stradine ma ugualmente incantevole.
erasmo da rotterdam
sint geertrui
Ancora più a nord si trova una collinetta boscosa in cima alla quale sorge l'abbazia di Keizersberg, ma anche un bacino di carenaggio collegato al fiume circondato da una vecchia area industriale in via di riqualificazione chiamata Vaartkom. Sulle sponde settentrionale e occidentale sorgono alcune delle più interessanti architetture moderne della città, tra cui quella della birreria De Hoorn, dove fu creata per la prima volta la Stella Artois, ma su quella meridionale si vedono ancora vecchi padiglioni dall'aria decadente e serbatoi di stoccaggio appartenuti al birrificio che rendono il luogo piuttosto affascinante. La moderna fabbrica della famosissima birra si trova in effetti poche decine di metri oltre, affacciata sull'anello viario.

sint maartens dal leuven
sint maartens dal
leuven
leuven
diestsestraat leuven
diestsetraat
complesso davanti sint geertrui
sint geertrui leuven
complesso davanti sint geertrui
leuven

I quartieri tra la Grote Markt e la stazione, quelli da cui volendo si potrebbe anche cominciare la visita della città, alternano moderne zone residenziali e gruppi di costruzioni storiche.
stazione ferroviaria
sint maartens dal
Punti forti di quest'area sono il moderno complesso Sint Maartens Dal, il cui blocco 5 è il grattacielo dall'antenna caratteristica che supera i 100 metri di altezza visibile dal treno e da ogni parte del centro urbano; ma soprattutto l'antica splendida Biblioteca Universitaria, uno spettacolare edificio rinascimentale (ricostruito dopo la guerra) con un'alta torre campanaria provvista di carillon che è forse lo stabile più famoso e importante della città. Per tornare alla stazione infine, una buona alternativa al viale Bondgenotenlaan è la pedonale Diestsestraat, piena di negozi e pittoresca.
vaartkom leuven
vaartkom
vaartkom
Lovanio è città universitaria, e come tale è parecchio vivace anche di notte, solo che visitandola di domenica non si nota affatto. La sua vera punta di diamante, anche di domenica ma in modo fortemente ridimensionato, è la Oude Markt: una stretta e fantastica piazza storica subito a sud della Grote Markt che si fregia del titolo di "bar più lungo d'Europa". L'intero perimetro di questa piazza è infatti occupato da bar e pub di ogni tipo frequentati abitualmente sia dagli studenti che dagli abitanti, e una bevuta qui è una delle cosa da fare assolutamente.
fabbrica della stella artois lovanio
fabbrica della stella artois
vaartkom
Alcuni dei bar fungono anche da ristoranti, e le stradine intorno alla piazza ospitano inoltre parecchi fast food e tavole calde per un pranzo veloce e ristorantini per una cena tradizionale; molte attività però la domenica sono chiuse. Parecchie informazioni si possono reperire nel sito ufficiale del turismo in città; ma molto interessante, come accade per quasi tutte le principali città del Belgio e per alcune altre in Europa, è l'opuscolo-mappa della Use-It, con tanti consigli da parte di chi lì ci vive e facilmente reperibile gratuitamente in quasi tutti gli ostelli del Belgio.

Post successivo: Mechelen


klein begjinhof leuven
klein begjinhof
diestsestraat
bondgenotenlaan leuven
bondgenotenlaan

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.