martedì 5 settembre 2017

Rotterdam

2-4 giugno 2017
La seconda città dei Paesi Bassi a causa degli intensivi bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale non può vantare i classici punti di forza che rendono pittoreschi molti degli altri centri urbani del paese dei tulipani, ovvero canali e casette; tuttavia Rotterdam ha saputo ritagliarsi negli ultimi decenni un ruolo turistico di tutto rispetto grazie alle futuristiche architetture che ne impreziosiscono tutta l'area municipale, alla particolare attenzione all'arte, al fermento culturale e all'apertura mentale conseguenti alla forte multietnicità di cui si fa vanto, al suo importante ruolo economico e agli innovativi servizi che offre ai viaggiatori o legati al suo enorme porto, il più grande d'Europa.
rotterdam
oude haven
rotterdam
markthal
L'aeroporto di Rotterdam si trova pochissimi chilometri a nord del centro ed è ben collegato con quest'ultimo, i voli low cost da Roma non sono però semplicissimi da trovare e così delle buone alternative, viste anche le distanze abbastanza ridotte, sono rappresentate dalle compagnie di bus economici, Flixbus su tutti, che la collegano a Bruxelles (che partono fuori dalla stazione nord della capitale belga e arrivano alla larga Zuidplein, dalla quale si può proseguire in metro) o ad Amsterdam. 5 linee di metropolitana e diverse altre di tram e autobus urbani, fruibili con un conveniente biglietto giornaliero, aiutano poi a percorrere l'area urbana in lungo e in largo e a raggiungere anche le diverse attrazioni situate fuori dal centro.
rotterdam
san lorenzo
rotterdam
grote markt
L'offerta ricettiva infine è di primo livello, con un'ampia varietà di sistemazioni di ogni tipo e per tutte le tasche. Un'ottima alternativa economica è rappresentata dal Room Hostel, un bellissimo ostello ospitato in un palazzotto in mattoni dall'aria storica situato in ottima posizione, centrale ma tranquilla, a poche centinaia di metri dall'Erasmusbrug. Le camerate sono comode, spaziose e con interni moderni, e la struttura dispone inoltre di un bel bar-caffetteria al piano terra e offre buoni sevizi a un prezzo abbastanza ridotto.

rotterdam
oude haven e witte huis
rotterdam
case cubiche
rotterdam
grote markt e markthal

Anche se, come detto, a Rotterdam mancano (non completamente a dire il vero, qualcuno c'è) i caratteristici canali responsabili di tante suggestioni legate all'Olanda, la città è una vera "città sull'acqua", anche più di tante altre nel paese, a causa della sua invidiabile posizione nel pieno centro dell'intricato delta formato dall'unione del Reno e della Mosa, in particolare su entrambe le sponde di uno dei bracci principali: la Nieuwe Maas.
rotterdam
oude haven
rotterdam
nieuwe maas
Qui il posto dei canali è preso dagli "haven"(che in olandese vuol dire "porto"), ovvero diverse decine di insenature artificiali, le più grandi e periferiche delle quali vanno a costituire il grande porto industriale, il maggiore d'Europa appunto, mentre le più piccole e centrali spesso ospitano porticcioli turistici o chiatte con localetti che compongono vedute da cartolina. Il centro cittadino vero e proprio è quello che si trova sulla sponda settentrionale della Nieuwe Maas, compreso tra questa e la stazione ferroviaria all'estremità nord; molte delle attrazioni più importanti si trovano però sparse anche fuori da esso.
rotterdam
willemsbrug
rotterdam
verso il leuvehaven
Il simbolo cittadino più famoso è probabilmente l'Erasmusbrug, lo scenografico e maestoso ponte sospeso che unisce le due sponde del fiume; da alcuni anni a questa parte però la zona più conosciuta è quella situata leggermente a nord-ovest del centro, fuori dalla stazione Blaak della metro. Intorno alla larga spianata Grote Markt infatti si susseguono diverse curiose architetture dalle forme più disparate che vanno dalla celebrata Markthal, il nuovo splendido mercato coperto dove fare incetta di prodotti gastronomici di qualità e fermarsi per uno spuntino sfizioso o un pasto più sostanzioso, alle altrettanto famose Kijk Kubus, le case cubiche che, oltre a diversi appartamenti, ospitano anche un museo e un ostello.
rotterdam
verso l'oudehaven
rotterdam
leuvehaven
Nel complesso di edifici moderni e futuristici spiccano invece le forme gotiche della chiesa di San Lorenzo lì accanto, l'unico edificio di epoca medievale sopravvissuto in città. Tra la chiesa e il mercato, la pedonale Hogstraat attraversa una zona di chiara estrazione commerciale e passando alla base del grattacielo del World Trade Center porta fino al viale Coolsingel, la principale direttrice nord-sud dell'area urbana lungo la quale si trova anche l'importante Museo Marittimo, e al centro.

museo boijmans van beuningen
witte de withstraat
leuvehaven

oude binnenweg
nieuwe binnenweg
huis sonneveld

Il percorso più interessante per tornare nei quartieri più centrali parte però alle spalle delle case cubiche, dove si apre l'Oudehaven, il vecchio porto sul quale si affacciano anche alcune pregevoli architetture di fine ottocento come lo scenografico "grattacielo" art-nouveau Witte Huis.
santa claus
maas toren
Camminando sulla sottile striscia di terra compresa tra la Nieuwe Maas e gli haven interni si possono godere dei bei panorami sul Willemsbrug e sull'Erasmusbrug, sulle grandiose architetture che si innalzano su entrambe le sponde del fiume e sugli scorci pittoreschi dei porticcioli con le case subito a ridosso dell'acque e le barche a vela ormeggiate una volta arrivati al Leuvehaven, dove una passerella tra queste ultime permette di ricongiungersi alla prosecuzione del Coolsingel. Il centro di Rotterdam in realtà è un reticolo quadrato di strade pedonali, piacevole per una passeggiata, per fare shopping o fermarsi in uno dei tanti ristoranti o birrerie, ma senza particolari motivi di interesse, architetture moderne e qualche curiosa statua a parte.
rotterdam
het park e euromast
het park
Tra questi vale la pena segnalare il grandioso Municipio inizio novecento, sopravvissuto ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, e una simpatica statua di Santa Claus. Le vie che vale la pena di segnalare sono la direttrice Binnenweg (divisa in: Plein, Oude e Nieuwe) e Witte de Withstraat, entrambe punti di riferimento della vita serale visto il gran numero di ristoranti, tavole calde e birrerie che vi si affacciano. Qualche spunto più interessante lo offrono, ai margini occidentali del centro, i tanti musei tra i quali il Boijmans Van Beuningen, il più importante della città, e l'Het Nieuwe Instituut al quale è associata anche la piccola Huis Sonneveld, che sembrerebbe una villetta come le altre ma in realtà è uno dei primi e più importanti esempi di funzionalismo olandese (per studenti di architettura direi).
het park
rotterdam
tuin schoonoord
Più a sud vale invece la pena di percorrere i sentieri dei bellissimi giardini associati al museo Boijmans, che portano fino alla moderna Kunsthal, e quelli dell'altrettanto bello ma molto più grande Het Park, dove grandi prati, aiuole fiorite, stagni e zone boscose sono dominati dalla mole dell'Euromast, una torre panoramica di 186 metri di altezza simbolo cittadino. Di fianco a quest'ultimo parco infine, pace e tranquillità regnano sovrani nel piccolo giardino ideale settecentesco Tuin Schoonoord.

rotterdam
erasmusbrug
lungofiume meridionale
nieuwe maas

rijn haven
fenix food factory
rotterdam
rijnhaven










La sponda meridionale della Nieuwe Maas intorno a Wilhelminaplein è la zona dove i molti famosi architetti chiamati a riqualificare la vecchia area portuale dei Rijnhaven e Maashaven hanno forse maggiormente lasciato andare la loro fantasia.
rotterdam
mulino di delfshaven
rotterdam
de rotterdam
Qui si trovano i grattacieli più alti e scenografici della città, come l'imponente Maastoren, le tre torri incastonate tra loro del De Rotterdam e altri; inoltre tutta l'area è stata rinnovata (vi sono ancora parecchi lavori in corso) per renderla piacevolmente fruibile dalla popolazione locale e non solo, con belle passeggiate vicino all'acqua, cinema e teatri. Un ponte pedonale permette poi di attraversare il Rijnhaven fino alla sua sponda meridionale dove sorge uno dei posti più curiosi e gradevoli della città: la Fenix Food Factory, degli ex magazzini portuali ora un po' mercato di prodotti freschi e un po' centro culturale ma soprattutto casa di diversi stand fissi che vendono prodotti alimentari artigianali come sidro, birra, formaggi, pane e prodotti da forno, piatti caldi della tradizione o più "esotici", insomma una tappa imperdibile per una pausa-birra-caffè o un pasto vero e proprio.
rotterdam
nieuwe maas
delfshaven
Non è del tutto vero infine che a Rotterdam manchino gli scorci che nell'immaginario collettivo vengono associati all'Olanda: il sobborgo di Delfshaven infatti, situato solo un paio di chilometri a ovest del centro e facilmente raggiungibile con metro o tram, ha mantenuto pressoché inalterato l'aspetto che aveva prima della guerra. In particolare una stretta isoletta tra due piccoli canali, popolati da barchette a vela e houseboats, presenta tutte le classiche caratteristiche dei villaggi storici olandesi, dalle casette seicentesche in mattoni a un mulino alla sua estremità meridionale, passando per una chiesa medievale e un'antica birreria (De Pelgrim) che vale la pena di testare.

de pelgrim
rotterdam
delfshaven
delfshaven

rotterdam
sponda sud della nieuwe maas
porto
porto

La scena gastronomica di Rotterdam è abbastanza varia: chiaramente la cucina olandese non ha delle grandi attrattive, che tuttavia non sono totalmente assenti, ma l'altissimo numero di ristoranti di cucine tipiche di tutto il mondo può riservare delle belle sorprese.
rotterdam
zona della stazione
zona della stazione
Il posto ideale per provare il panino con aringa cruda e cipolla (sorprendentemente buono a dispetto di quanto molti passano pensare) è la nuova Markthal, dove vari banchi te lo preparano davanti agli occhi e si può svariare anche con altri piatti di pesce o rifugiarsi in uno dei tanti ristoranti di tipo più internazionale, la maggior parte dei quali chiude però abbastanza presto la sera. L'attività serale cittadina è tuttavia abbastanza vivace e sono diverse le zone dove trovare un po' di movimento, come per esempio le sunnominate Nieuwe Binnenweg e Witte di Withstraat (in particolare la seconda con i suoi tanti ristorantini etnici e le birrerie piene di giovani) ma anche la spianata di fronte al Municipio, dai tanti bar che si estendono all'aperto.
centro
centro
Un posto piuttosto particolare è infine l'Hofplein Station, una stazione ferroviaria situata qualche centinaio di metri a est di quella centrale e collegata al centro con un curioso sistema di passerelle pedonali di legno che scavalcano le ferrovie. L'area è stata riconvertita per ospitare diverse boutiques, un jazz club e alcuni ristoranti alla moda. Rotterdam offre quindi diversi motivi per giustificarne la visita che, se unita a quella di alcuni interessanti siti nei dintorni dell'agglomerato urbano, può riempire comodamente anche qualche giorno.

Post successivo: Den Haag (L'Aia)


rotterdam
centro
rotterdam
municipio
rotterdam
centro

rotterdam
giardini dietro al museo boijmans
rotterdam
world trade center
rotterdam
verso grote markt

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.